La VOSTRA voce…

Cari amici lettori,

questa pagina è dedicata a voi. Alle vostre parole ed ai pensieri che mi avete inviato dopo la lettura di “Non vivo in una bolla”. Le recensioni da parte dei critici e le interviste sono assolutamente indispensabili per il mio lavoro. Grazie ad esse sto ottenendo risultati importanti e colmi di soddisfazioni, ma ciò che maggiormente mi scalda il cuore è ricevere le vostre mail ed i vostri commenti. In questa pagina ho deciso di raccoglierli tutti, sperando che possiate gradire la mia iniziativa.

 

“Ho letto il tuo libro in un sorso dopo l’incontro di mercoledì sera a san daniele
non posso dirti che ti capisco perchè i miei due bambini non hanno di questi problemi (più o meno)
ma voglio dirti grazie, anzi GRAZIE!!
perchè con la tua testimonianza e le tue parole ho ritrovato la serenità
perchè dopo essermi appena affacciata sulla soglia dell’autismo ed esserne rimasta letteralmente atterrita
dopo aver provato tanto dolore e senso di impotenza da lasciarmi senza fiato ho incrociato la tua storia
e in un attimo sono riuscita a riprendere in mano il mio potere decisionale”  (ROBERTA M.)

 

Federica , ho letto il tuo libro o meglio il racconto della tua vita dal momento in cui è cambiata. Anche da parte mia voglio farti i complimenti per il cammino che insieme alla tua  famiglia avete fatto con grande coraggio determinazione e consapevolezza alla luce di quanto vissuto e state vivendo. Quanto sei cambiata dall’inizio della tua esperienza ad ora ! Sai, personalmente cerco di vedere ciò che ci accade nella vita (quaGent.mando ci riesco!)  non solo con gli occhi della materia ma anche con quelli dello spirito o se preferisci quello che in oriente chiamano il terzo occhio. E tutto cambia prospettiva. Nella vostra difficile  esperienza brilla  un grande progetto o disegno di aiuto che state portando  a molte altre persone che condividono lo stesso cammino  e che altrimenti si sentirebbero scartati in questo mondo che si nutre di egoismo ipocrisia prepotenza ad ogni livello sociale. Molti anni fa  un frate amico di padre Pio, che ho avuto la fortuna di conoscere e che mi ha cambiato la vita facendomela interpretandomela sotto l’aspetto dell’ amore, mi disse che le grandi prove vengono riservate ai grandi spiriti contro i quali poi si scatenano le furie dell’inferno per porgli ostacoli nel portarle a termine. Ma ci sono anche grandi  protezioni lungo il cammino e l’incontro con persone messe li apposta per aiutare. Quando Nicola sarà completamente guarito sarai felice  del cammino che insieme avrete  fatto   e lui sarà stato i mezzo per compiere questo importante disegno. Come medico mi stai aiutando a capire molte cose , innanzitutto l’ignoranza mia e di molti altri colleghi a proposito dell’argomento e la dolorosa  presunzione di coloro che credono di conoscere l’argomento vaccini. Ti saluto e ringraziandoto per la sincerità con cui ti sei mostrata trasparente nei tuoi sentimenti, ti abbraccio fraternamente  certa che sarete presenti  nei miei pensieri e preghiere. Ciao”  (FRANCO G.)

 

“Carissima Federica,ho ricevuto il tuo libro stamattina. Quando sono tornata dal lavoro l’ho trovato nella cassetta della posta e, sebbene dovessi ancora cucinare, non ho resistito e ho iniziato a leggerlo subito. Mi sono fermata alla battuta “pausa caffè” per poter scolare la pasta ma appena finito l’ultimo boccone, mentre i miei suoceri erano ancora intenti a mangiare, mi sono seduta in salotto e ho continuato a leggere, anche mentre sparecchiavo, mentre facevo fare i compiti a Lorenzo, interrompendo giusto il tempo necessario per accompagnare con la macchina mia figlia da un’amichetta e Lorenzo alla lezione di basket. Poi mi è tornata la voglia di scrivere e mi sono impegnata nella stesura di un nuovo capitolo (sai che sto scrivendo un libro anch’io?) ma non l’ho finito perché ho ripreso a leggere il tuo libro. L’ultima parte l’ho letta ad alta voce fino a che mio marito non è crollato in un sonno profondo. Ho pianto, ho riso e ho pianto ancora… mi ritrovo in tutte le emozioni che hai vissuto, in tutti i sentimenti che hai sviscerato e, accidenti, abbiamo una storia molto simile sotto tanti punti di vista, anche riguardo alla svolta, quando hai visto il volto di tuo figlio rigato dalle lacrime… che piangeva in silenzio. Anche noi ci trovavamo in macchina e mio marito quasi si mise a gridare: “Adesso basta! Il bambino c’è e dobbiamo aiutarlo!!!” Non ti dico poi quello che dentro l’ASL di Nereto (TE) si dice di me! Sono il terrore di tutti i medici! Altro che pazza!!! Mi volevano far arrestare perché avevo staccato un manifesto che pubblicizzava il vaccino MPR! Avevo sognato 100 volte di farlo e ogni volta che lo vedevo cercavo di trovare la forza per tiralo via e quella volta la trovai! Ingaggiai una discussione con il direttore che era giunto subito sul posto perché allertato dalla guardia giurata del mio gesto sconsiderato; gli feci notare che quel manifesto induceva in errore le persone perché lasciava credere che VACCINATO significasse IMMUNIZZATO. E io so bene che le cose non stanno così perché nessuno dei miei tre figli vaccinati ha sviluppato tutti gli anticorpi. Difatti ho due figlie che non sono immunizzate ne alla Parotite ne al famigerato Morbillo! Alla fine mi disse che lui doveva fare quello che gli era stato ordinato e me ne andai dicendo che lo rispettavo per questo ma che lui doveva essere consapevole di essere un soldato e non un medico (!). Qualche giorno dopo tornai all’ASL e quella locandina non c’era più!!!…Quante volte ho detto “scappa!” ai miei amici e mi hanno preso per “pazza” ma la cosa più terribile è sentirti chiedere “scusa” perché avevi ragione e non ti hanno ascoltato. Non mi consola il fatto di averli avvisati!…Spesso dico “Ti auguro di dimenticarti di me!” perché questo vorrebbe dire che non è accaduto nulla di nefasto dopo la vaccinazione.Il tuo libro è bello! Bellissimo! Profondo! Sensibile! Delicato! Illuminante!Brava! Brava! Brava!Spero di riuscire in quest’impresa titanica anch’io… ma è molto dura per me che a scuola in italiano prendevo sempre 5!Nel mio libro (intitolato VINCERE L’AUTISMO perché Lorenzo nel 2012 è uscito dallo spettro autistico) le storie più significative dei miei amici si intrecciano alla nostra per dare spunti di riflessione, per non lasciarci lacerare dalle emozioni negative scoprendo che è normale stare così, per trovare insieme nuove soluzioni e soprattutto per fare quelle che hai fatto tu: riprenderci in mano la nostra vita!Sarei onorata se ti unissi a noi con la tua storia, dedicandoci un capitolo. Quando la traccia del libro sarà pronta, se ti fa piacere, te la manderò, così potrai decidere se desideri partecipare e per quale argomento trattato vuoi lasciare una tua testimonianza.Ti ringrazio di aver scritto questo libro (ne consiglierò la lettura a molti amici che non necessariamente devono avere figli autistici) e della bella dedica che mi hai donato.Un forte abbraccioda Katia”   (KATIA T.)

 “Cara Federica sono le 17.58 del pomeriggio alle 16.30 ho ricevuto in mano il tuo libro, sono corsa a casa perché avevo dentro una sfrenato desidero di leggerlo, di ascoltare tutta la tua storia della tua famiglia dei tuoi figli.
Durante la lettura ho sentito dentro un alternarsi di emozioni sofferenza, desolazione, abbandono, rabbia , gioia , entusiasmo e tanto tanto amore.
Sento mie ogni parola che hai scritto ho passato anch’io un’esperienza dove ho dovuto scontrarmi con i grandi luminari che con le loro belle parolone  sanno cosa  e’ meglio x te, li ho lasciati ed ho fatto a modo mio, ho cambiato vita, cibo abitudini medicine e mi sono vista tutti contro , ero pazza dicevano…eppure il mio Giovanni e’ qua alla faccia di tutti!!!
Io sono orgogliosa di te e della tua famiglia perché siete “diversi” perché avete cambiato strada e credete in ciò che sentite dentro il vostro cuore…e’ quella la.strada giusta non abbandonarla mai.Ricordati che non sei sola ci sono tante persone come te che hanno aperto gli occhi che non sono più chiuse dentro ad un barattolo , ti prego continua così sei un esempio per tanti altri !Sai quando ho incontrato Nicola la prima volta ho subito associato il suo nome a mio fratello ed ho sentito in lui una grande dolcezza…ricordo ancora che si e’ avvicinato a me e per un istante senza che io chiedessi niente ha preso la mia mano con tanta dolcezza e quel tocco così puro è rimasto ancora dentro il mio cuore.Lui sa guidarvi verso la strada giusta  ascoltatelo sempre anzi ascoltate sempre i vostri figli, Enrico l’amante degli animali marini e il grande Nicola!Insomma mi hai fatto piangere leggendo il libro ed anche adesso che ti sto scrivendo….ma va bene piango perché sono fiera ed orgogliosa di quello che fate e so di non essere sola.Ti mando un forte abbraccio e dai un bacino sulla fronte ad Enrico e Nicola da parte mia…..ah si un bacino anche ad Alessio!Ti abbraccio – Cristina”  (CRISTINA P.)
“Finito il libro. Grazie. Grazie anche da parte di tutte le mamme che,anche se non hanno la tua situazione, a un certo punto hanno dovuto scegliere se seguire i medici o il loro istinto e quello che volevano i figli.” (SARA B.)
“Finito ora..le lacrime scendono ancora,grazie di cuore per aver scritto questo libro e raccontato la vostra storia. Vi conosco poco ma con tutto il mio cuore spero e vi auguro che Nicola esca da questo brutto incubo.” (PAMELA R.)
“Il tuo racconto va ben oltre il descrivere alle persone il danno che può recare un vaccino. E io l’ho colto tutto. E non so se l’ho colto solo perché in qualche modo si è trovato in sintonia con la mia vita emotiva o perché ho la mente aperta (perché mi considero una persona con la mente aperta,motivo forse del mio malessere emotivo) ma tu e la tua famiglia mi avete dato qualcosa di prezioso.” (VIRGINIA C.)
“Grazie a te Federica per aver scritto questo libro. Non ho potuto trattenere le lacrime…e perché farlo poi? Sei una donna forte e determinata. Sono felice di conoscerti…mi stai insegnando molto. Tu ed i tuoi magnifici bimbi”. (ALICE B.)
“Federica ieri ho finito di leggere il tuo libro “Non vivo in una bolla”. Mi ha rapito dalla prima fino all’ultima parola. …sembrava quasi di sentire la tua voce e averti vicino!!Ho sentito dentro tutto il tuo dolore e a volte quasi una vera e propria disperazione…..più volte ho sentito gli occhi riempirsi di lacrime ma hai creato delle pause ad hoc!!!Mi sono immersa nelle tue parole con tutta l’anima e ho sofferto con te…..Non ti fermare mai!!!La tua forza e determinazione presto saranno ricompensare!Grazie per la tua testimonianza.”  (MANUELA M.)

 

Complimenti Federica Santi per questo tuo libro. Si legge tutto d’un fiato…..troppe emozioni….
Rivivere il dolore scrivendo questo libro non è da tutti. Tu lo hai fatto e hai dimostrato di essere una donna, mamma veramente forte. Hai tutta la mia stima. 
Verità dolorosa per chi la conosce e ci convive e altrettanto scomoda per chi la vuol occultare e non osservare…..Brava!!!! (PATRIZIA S.)

Ciao ,Ho finito di leggere il tuo libro, la tua storia….la tua vita proprio adesso è posso solo dirti che ti ammiro tanto per tutto quello che hai fatto fino ad ora è che farai ancora per la tua famiglia! Non mollare porta avanti la tua battaglia e come hai detto i bambini sono la nostra forza, la nostra vita e dobbiamo cercare di costruire un futuro migliore divulgando ciò che gli può nuocere perché loro credono in noi! Ti faccio un grande in 😚😚😚bocca al lupo per tutto!!! Un abbraccio. (M.ROSARIA M.)
“Ciao, ho appena finito di leggere il tuo meraviglioso libro, giuro non sono riuscita ad interrompere la lettura da quanto mi sentivo partecipe e non solo lettrice. Con le tue parole, le tue frasi fai davvero entrare le persone in casa tua,e sei indispensabile x far conoscere la strada giusta alle famiglie che necessitano di questo messaggio ,grazie infinite x questo, anche se ci sono persone che non lo colgono tu non smettere mai di farlo, come hai detto siamo tantissimi e solo continuando a parlarne se ne aggiungeranno altre. Io sicuramente parlerò del tuo libro xc veramente mi sento di farlo! Continuate a credere nella guarigione x vostro figlio xc questo è ciò che avverrà, ne sono sicura! Sono stata contenta di conoscerti di persona anche se seguendoti su Facebook ti ritenevo già un’amica! Un abbraccio forte!”  (CRISTINA M.)
Schermata 2016-05-09 alle 08.53.05

 

Annunci